Punte da trapano. Legno, muro, ferro, HSS, SDD, SDS come capire qual è la punta giusta da scegliere.

by Uomo di casa
Punte da trapano

Conoscere la differenza delle punte da trapano è fondamentale per chi si vuole affacciare al mondo del fai da te o voglia semplicemente fare qualche lavoretto. Ovviamente questo è un articolo generale, quindi a volte ci potrebbero essere generalizzazioni e imprecisioni legate al fatto che bisognerebbe approfondire ogni singolo tipo di punta ma non è questo l’obiettivo di questo articolo. Una cosa è certa: alla fine di questa lettura ne saprete più della maggioranza delle persone e anche della maggioranza degli artigiani.

Punte per il legno, per il muro e per il ferro

Sicuramente la prima differenza da sottolineare è quella relativa alle 3 grandi famiglie di punte: Legno, Muro e Ferro riconoscere a prima vista queste tre tipi di punte è il primo passo per la conoscenza di questi attrezzi fondamentali per i nostri lavori da Uomo di casa. Inoltre queste punte vengono anche create in materiali diversi, ma questo lo approfondiremo più avanti. Iniziamo con il dire che ovviamente la parte che dobbiamo osservare in questo caso è la punta della punta, infatti la differenza fondamentale si trova proprio nella parte che ha il compito di forare… ovviamente.

Le punte da legno sono caratterizzate da piccole punte nel centro e nei lati della punta stessa. Essendo il legno un materiale tenero e che deve essere tagliato queste punte affilate nella parte anteriore della punta facilitano la penetrazione della punta stessa nel materiale legnoso. Senza voler complicare troppo la vita vi dico che queste punte sono perfette nel caso di legni teneri come abete e pioppo ma man mano che si va verso legni più duri diventano sempre meno efficaci fino ad arrivare ad essere inefficaci con quelli che vengono chiamati comunemente “legno-ferro” come per esempio l’acacia. Se vi trovate a lavorare con questi legni, anche se non è facile che accada, potete usare le punte da ferro.

punta da legno

Le punte usate per forare il muro sono invece caratterizzate da placche nella parte anteriore della punta stessa. Nelle punte da hobbistica le placche sono 2, mentre nelle punte professionali le placche sono 4. Questo tipo di punta è adatto per forare muri di mattoni, cemento, gasbeton ecc…

punta da muro

Le punte per il ferro invece sono… per dirla in parole semplici… semplicemente punte, non hanno nessuna caratteristica particolare se non quella di essere affilate per riuscire a forare i materiali metallici. Ovviamente, essendo usate per materiali a volte durissimi sono quelle per cui è fondamentale conoscerne le caratteristiche e comprare punte di qualità. In qualsiasi caso, comunque queste punte sono quelle che verranno sostituite con maggiore frequenza soprattutto se non volete investire molto denaro nella qualità della punta stessa.

punta da ferro




Materiali usati per la costruzione delle punte da trapano

Le punte da trapano sono fatte in acciaio. Chi conosce un minimo la materia sa che esistono letteralmente migliaia di tipi di acciaio in commercio quindi dire che sono di questo materiale non basta per capire se una punta è di buona qualità oppure no. In questo articolo io tratterò solo materiali usati per punte di qualità tralasciando ovviamente i cattivi investimenti in questo senso.

Punte HSS: questa dicitura è una dicitura generica che è un acrostico di high speed steel (acciaio ad alta velocità) e indica comunque una gamma di punte (che possono essere da legno, muro o ferro) di ottima qualità. Quindi quando vedete questa dicitura vuol dire che state già comprando un buon prodotto.

Cobalto: Le punte vengono arricchite con una percentuale variabile tra il 5% e l’8% di cobalto che le rende estremamente resistenti in grado di forare anche i materiali più duri. Troviamo punte sia da legno che da ferro arricchite con il cobalto e sono quelle che io vi consiglio in assoluto

Troviamo punte sia da legno che da ferro arricchite con il cobalto e sono quelle che io vi consiglio in assoluto

Titanio: tra le punte di ottima qualità ci sono le punte arricchite in titanio; queste sono più dure di quelle in cobalto e danno anche prestazioni migliori ma hanno un problema. Viene privilegiata la durezza a discapito della fragilità. Sono infatti di un materiale durissimo ma molto fragile che può scheggiarsi con una semplice caduta. Mi ricorda un immagine di un diamante prezioso che benché durissimo cade a terra e si frantuma.

Carburo di tungsteno: questo materiale è usato per le placche delle punte da muro ed è (cit. Wikipedia) una delle sostanze note più dure. Le placche servono per scavare materiali che tendono a sfarinare come i muri e sono spettacolari. Ovviamente molte delle punte economiche non hanno questo materiale nella punta. Quindi se dobbiamo fare molti fori…controlliamo bene quello che compriamo.

Punte SDS, SDD e attacco esagonale

In ultimo, ma non meno importante, vediamo la differenza tra punte SDS, punte SDD e punte con attacco esagonale. Questa è una grande differenza perché sbagliare significa non poter montare la punta. Infatti questa sigla indica la forma della parte terminale della punta stessa, quella che si attacca al trapano per intenderci. Nella punta SDD la parte finale è liscia e può quindi essere montata in trapani e avvitatori che hanno il mandrino, che stringendosi va a bloccare la punta.

La sigla SDS invece si riferisce ad un tipo di attacco che viene chiamato comunemente attacco rapido ed è caratterizzato da scanalature presenti al fondo della punta stessa. Questo tipo di attacco è utilizzato spesso in tassellatori e demolitori che a causa del loro movimento a martello hanno bisogno di qualcosa che blocchi la punta ma che le permetta di andare avanti e indietro cosa che questa forma permette.

In ultimo abbiamo le punte con attacco esagonale che ci servono se vogliamo usare un attrezzo senza mandrino come un avvitatore ad impulsi (per la differenza tra i vari tipi di avvitatori si veda questo articolo)

Detto questo direi che abbiamo finito. Ovviamente se avete qualche domanda non esitate a farla utilizzando il form che trovate sotto o nella sidebar a destra oppure il modulo che trovate nella sezione contatti. Io risponderò a tutti e le domande migliori verranno inserite nel corpo dell’articolo stesso in modo da rendere un servizio sempre migliore.

You may also like

Leave a Comment