Scarpe antinfortunistiche: quale scegliere?

by Uomo di casa

Quando dobbiamo scegliere le scarpe antinfortunistiche potremmo pensare che una vale l’altra… ma in realtà non è così; esiste una normativa che regola con precisione tutto ciò che riguarda le calzature antinfortunistiche, precisamente la norma UNI EN ISO 20346:2014.

Con questo articolo voglio aiutarvi in maniera semplice a districarvi in mezzo al mare di calzature che il mercato ci offre in modo che possiate acquistare le scarpe migliori per voi. Sia che siate professionisti o hobbisti che lavorano nel garage.

Iniziamo innanzi tutto con il video che in maniera molto veloce vi aiuta a scegliere la calzatura migliore poi, se non dovesse bastarvi questa spiegazione, sotto il video ci sono tutte le precisazioni e gli approfondimenti del caso.

Come indicato nel video vediamo quali sono le caratteristiche di sicurezza elencate nella normativa e, a differenza del video usiamo una tabella per abbinarle alle sigle relativa alle scarpe antinfortunistiche:

Caratteristiche

SB

S1

S1P

S2

S2P

S3

S4

S5

Puntale di sicurezza

X

X

X

X

X

X

X

X

Calzatura antistatica

X

X

X

X

X

X

X

X

Suola resistente agli olii minerali

X

X

X

X

X

X

X

X

Suola antishock

X

X

X

X

X

X

X

X

Suola antiscivolo

X

X

X

X

X

X

X

X

Lamina o soletta antiforo

  

X

  

X

X

X

Tomaia idrorepellente

     

X

 

X

Resistenza all’immersione

      

X

X

Analizzando la tabella sopra capiamo perché nel video vi consiglio le scarpe della categoria S3 sono le uniche che posseggono tutte le caratteristiche importanti ma che restano traspiranti. Infatti le categorie S4 e S5 hanno standard più alti per quanto riguarda l’idrorepellenza che però va ovviamente a minare la traspirabilità della scarpa che, normalmente, è molto importante. 

Ovviamente qui non stiamo parlando di lavori specifici che possono richiedere scarpe particolari magari resistenti all’acqua oppure, come nel caso dei saldatori, resistenti a scintille o residui di saldatura. Stiamo parlando sempre in generale e per quello che può servire a chi non fa lavori con un rischio particolare o molto elevato. 

Oltre a queste caratteristiche nella descrizione delle scarpe compare spesso anche un’altra sigla SRA, SRB o SRC cosa vuol dire?

Questa sigla riguarda le proprietà antiscivolo della suola:

SRA = antiscivolo su ceramiche e detergenti

SRB = antiscivolo su acciaio e glicerina

SRC = la somma delle due sigle sopra

A questo punto possiamo capire esattamente ciò che dobbiamo acquistare. Ma ora rimane una domanda: perché ci sono così tante differenze di prezzo anche su categorie simili o identiche?

Perché ci sono differenze di prezzo sostanziali nella stessa categoria?

Questa è una domanda molto interessante e su cui è bene spendere alcune parole. Anche se non ne abbiamo parlato per semplicità esistono degli standard che riguardano la resistenza delle calzature previste dalla normativa, per esempio il puntale deve resistere all’impatto di 20 kg da mezzo metro di altezza senza rompersi (equivalente a 100 joule). Ora capite subito che possono essere usati più materiali per ottenere lo stesso risultato, materiali più o meno leggeri e più o meno costosi. Parlando del puntale per esempio potrebbe essere fatto in acciaio e quindi molto pensante, in alluminio più leggero o in qualche lega plastica particolare diventando leggerissimo, lo stesso vale per la lamina o soletta antiforo. Ora capiamo che il materiale e il peso della scarpa fanno il prezzo. Troviamo scarpe con la stessa categoria che costano la metà di altre perché sono molto più pesanti e che quindi stancano di più se usate tutto il giorno. Hanno lo stesso standard ma il peso è penalizzante per un uso prolungato.

Da qui capiamo che prima di acquistarle dobbiamo pensare bene a quanto usiamo le calzature e per che cosa. Se sono calzature che usiamo per poche ore magari solo qualche giorno alla settimana per lavorare in sicurezza nel nostro laboratorio possiamo optare per scarpe con un buon standard di sicurezza ma magari più pesanti ed economiche mentre se le indossiamo tutto il giorno un investimento in una calzatura più leggera potrebbe migliorare le nostre giornate in termini di stanchezza e di capacità di movimento.

Spero che questo breve articolo abbia dissipato i vostri dubbi, ovviamente la materia è sensibile a moltissimi approfondimenti ma che, secondo me, nell’uso comune sono interessanti ma superflui, nel caso abbiate domande non esitate a farle sotto il video su YouTube e vi risponderò di sicuro. Ora qui sotto vi lascio qualche consiglio sugli acquisti, scarpe eccellenti con prezzi differenti.



You may also like